Federcasse

Federcasse è la Federazione Italiana delle Banche di Credito Cooperativo-Casse Rurali ed Artigiane (BCC-CR). Rappresenta il sistema del Credito Cooperativo con l’obiettivo di determinare gli indirizzi politico-strategici della cooperazione di credito, per realizzarne le finalità morali, culturali, sociali ed economiche. Le sue principali attività sono: la pianificazione e il coordinamento dello sviluppo del sistema; la promozione dell’immagine e del messaggio della cooperazione di credito; la rappresentanza e la tutela della categoria; lo sviluppo e il coordinamento di attività consulenziali; e la gestione delle relazioni esterne.
Il modello organizzativo del Credito Cooperativo ruota intorno alle 415 BCC complessivamente presenti sul territorio nazionale con 4.375 sportelli (il 13% degli sportelli bancari italiani), attraverso una presenza diretta in 2.683 Comuni (in 550 Comuni rappresentano l’unica realtà bancaria) ed in 101 Province. Il Credito Cooperativo occupa una posizione di primo piano nel sistema bancario italiano sotto vari profili, collocandosi al terzo posto per numero di sportelli e al quarto posto per ammontare degli impieghi complessivi pari a 145 miliardi di euro e per raccolta diretta totale pari a circa 151 miliardi di euro (dati al 31 dicembre 2010). Le BCC sono supportate da un lato dal sistema associativo e dall’altro dal sistema imprenditoriale. Il primo, composto dalle 15 Federazioni Regionali e dalla Federazione Nazionale (Federcasse), svolge funzioni di coordinamento, assistenza tecnica, consulenza ed erogazione di servizi a favore delle banche associate. Il secondo si configura come “complemento operativo” della BCC per quanto riguarda la fornitura di servizi e prodotti.

 

In tema di finanza sostenibile e responsabilità sociale d’impresa:

Le BCC-CR hanno per statuto lo scopo di promuovere lo sviluppo sostenibile e la finanza responsabile (Art. 2 dello statuto: “…la società ha lo scopo di favorire i soci e gli appartenenti alle comunità locali nelle operazioni e nei servizi di banca, perseguendo il miglioramento delle condizioni morali, culturali ed economiche degli stessi e promuovendo lo sviluppo della cooperazione e l’educazione al risparmio e alla previdenza nonché la coesione sociale e la crescita responsabile e sostenibile del territorio nel quale opera….).
E’ fondamentale il legame tra le BCC-CR e le istituzioni non profit, testimoniato non solo dall’ammontare dei crediti erogati, ma soprattutto dalle numerose iniziative di partnership con soggetti che operano nell’ambito dei servizi alla persona, dei beni relazionali, del miglioramento della qualità della vita. Esempi concreti sono: l’Accordo con numerose Caritas in tema di microcredito; l’Accordo con Legambiente per la diffusione delle energie alternative;  il Protocollo d’intesa con la Consulta Nazionale delle Fondazioni Antiusura per fornire forme concrete di prevenzione del problema;  la collaborazione  con “Vita”, il settimanale del non profit e dell’associazionismo che si prefigge l’obiettivo di diffondere la cultura della solidarietà e i temi dell’etica e della responsabilità sociale.