WWF Italia

Con i suoi 5 milioni di sostenitori, la presenza in 96 Paesi nel mondo e oltre 2.000 progetti attivati, WWF è la più grande organizzazione mondiale per la conservazione della Natura.
Fondato in Svizzera nel 1961, il World Wide Fund for Nature nasce con l’obiettivo di tutelare e conservare la natura e i processi ecologici del Pianeta. Il logo del panda, tra i più conosciuti al mondo, rappresenta un simbolo d’impegno, concretezza e positività per la protezione degli ecosistemi.
Le attività del network WWF s’ispirano e danno concretezza a una serie di valori fondanti: rigore scientifico e credibilità, integrazione a livello globale e locale, sinergia e partecipazione, indipendenza.
Grazie al supporto dei cittadini e al coinvolgimento d’imprese e istituzioni, WWF contribuisce a conservare i sistemi naturali e opera per avviare processi di cambiamento che conducano a un vivere maggiormente sostenibile, utilizzando metodi innovativi e aggregando le migliori risorse culturali, sociali ed economiche.

 

In tema di finanza sostenibile e responsabilità sociale d’impresa:

Per WWF la leva finanziaria è assolutamente strategica per la scelta di progettualità orientate alla sostenibilità: l’obiettivo del WWF è che l’ambiente diventi elemento identitario dei grandi gruppi finanziari e che le banche si impegnino a ridurre le proprie emissioni sia dirette (efficienza energetica nelle sedi, trasporti, utilizzo della carta, ciclo dei rifiuti…), sia soprattutto indirette, ovvero le emissioni “finanziate” attraverso le proprie politiche economiche, attraverso una maggior selezione dei progetti/iniziative da finanziare, innalzando gli standard ambientali nelle valutazioni per la concessione dei crediti, oppure incentivando settori e attività ambientalmente rilevanti (risparmio energetico, energie rinnovabili, tecnologie ad alta efficienza) tramite strumenti finanziari ad hoc.
Questo processo passa anche attraverso la codifica di policy riguardanti specifiche istanze sensibili per gli istituti finanziari, per esempio grandi infrastrutture, quali ad esempio le dighe, o grandi opere connesse all’energia come le centrali nucleari.

Unicef

«Non siamo la fonte dei problemi; siamo le risorse necessarie a risolverli. Non siamo spese; siamo investimenti».
Children’s Forum, May 2002 UN Special Session

 

L’UNICEF è l’agenzia leader a livello internazionale per la tutela e la promozione dei diritti degli under18, la sua presenza capillare e la disponibilità immediata di enormi quantità di materiali di prima emergenza rendono l’organizzazione in grado di rispondere tempestivamente alle situazioni di crisi umanitaria. Due gli obiettivi principali: lo sviluppo a lungo termine dei Paesi emergenti, assicurando che i bambini e i loro diritti rappresentino una priorità e siano parte integrante nelle politiche di sviluppo, e l’intervento nei contesti di emergenza.

 

INVESTIRE NEI BAMBINI

I diritti dei bambini e dei ragazzi possono essere semplicemente definiti come il migliore investimento possibile per il nostro futuro; promuovere e rafforzare questi diritti è indispensabile per creare processi economici stabili e produttivi. Eliminare le barriere che impediscono a tutti gli under18 di accedere ai servizi di base quali l’educazione, l’assistenza sanitaria e l’accesso a fonti di acqua potabile rappresenta uno dei principali obiettivi dell’UNICEF. E’ dimostrato che nei Paesi a reddito medio-basso se tutti i bambini nati oggi potessero essere istruiti a un livello base di lettura, scrittura e calcolo, si assisterebbe, nel corso della loro vita, a un aumento del PIL di 13 volte; inoltre a ogni anno in più di istruzione secondaria il reddito di una ragazza aumenta tra il 15 e il 25% o ancora la malnutrizione infantile può costare tra l’1,9% e il 16,5% del PIL di un Paese.

 

L’UNICEF e LA FINANZA INNOVATIVA

Il tema della finanza responsabile è entrato nell’agenda della comunità internazionale da tempo. Nel 2006 le Nazioni Unite hanno lanciato i sei Principles for Responsible Investment (UNPRI) con l’intento di favorire la diffusione dell’investimento sostenibile e responsabile tra gli investitori.

L’UNICEF Italia ritiene che gli investitori, attraverso la promozione di strategie di investimento responsabile, possano promuovere e supportare lo sviluppo di comportamenti virtuosi per le aziende, generando un impatto positivo nella tutela dei diritti dei bambini e degli adolescenti di tutto il mondo.

In Italia l’UNICEF vuole promuovere e facilitare, attraverso la definizione di nuovi modelli di finanziamento per lo sviluppo, l’integrazione sistemica dei diritti degli under18 negli investimenti, elemento trasversale ai fattori ESG, come strategia di gestione sostenibile a medio lungo termine.

OPES-LCEF

OPES-LCEF è un veicolo di impact investing che nasce dalla fusione della Fondazione italiana OPES e del trust inglese Low Carbon Enterprise Fund a supporto di imprese “early stage” in paesi in via di sviluppo, aree emergenti e Italia. OPES-LCEF veicola capitali pazienti in imprese che si propongono di ottenere un impatto sociale significativo e durevole attraverso l’adozione di modelli operativi economicamente sostenibili. Oltre al supporto finanziario, Opes-Lcef offre supporto manageriale e assistenza per strategie d’impatto.

 

In tema di finanza sostenibile e responsabilità sociale d’impresa

Opes-Lcef ha 16 investimenti (equity e debito) in imprese sociali e d’impatto che propongono soluzioni a problemi sociali in alcuni settori chiave come: accesso all’acqua, servizi igienico-sanitari, istruzione, energia, salute, basse emissioni di carbonio e conservazione ambientale e in realtà imprenditoriali che si occupano di tutela e empowerment di categorie vulnerabili e svantaggiate come migranti, donne, giovani.

Legambiente

Legambiente, associazione ambientalista fondata nel 1980, organizza campagne sul territorio atte a fornire sensibilizzare la società civile e le istituzioni sullo stato di salute dell’ambiente. La formazione di giovani cittadine e cittadini è un punto centrale dell’attività di Legambiente, che si articola dentro e fuori le scuole. Legambiente fonda il suo agire su dati, approfondimenti scientifici, scienza partecipata e analisi delle principali emergenze ambientali, della qualità di territori, servizi e infrastrutture. Le attività di informazione e analisi sono finalizzate all’azione: Legambiente propone soluzioni, impugna vertenze e rende partecipi stakeholders e cittadini. Nel mirino delle attività vertenziali e legali di Legambiente sono infatti centrali l’analisi e la denuncia della criminalità ambientale, le ecomafie, il traffico e lo smaltimento illecito di rifiuti, lo sfruttamento degli animali e l’abusivismo edilizio.

L’intervento sui temi dello sviluppo sostenibile è possibile anche grazie alla realizzazione di progetti finanziati con fondi europei, nazionali o regionali, ponendo informazione, ricerca scientifica, coinvolgimento di persone, comunità e istituzioni al centro dei progetti. L’ufficio Economia Civile e Finanza Sostenibile di Legambiente in accordo con Transport & Environment si è impegnato nell’ambito del progetto ACE in una alleanza tesa a migliorare l’efficacia della legislazione europea sulla Finanza Sostenibile. Al fine di migliorare l’efficacia della stessa , il progetto ACE prevede l’interazione con soggetti politici e finanziari in ambito nazionale, raccogliendo dati e monitorando le azioni sul tema per elaborare possibili strategie comuni, attente alla sostenibilità.

Fondazione Sodalitas

Fondazione Sodalitas nasce nel 1995 su iniziativa di Assolombarda e un gruppo di imprese e manager volontari come la prima organizzazione in Italia a promuovere la Responsabilità Sociale d’Impresa. Oggi rappresenta un network di imprese impegnate nella CSR e sostenibilità.

Promuove l’educazione alla generazione di valore sociale condiviso e, in particolare, la cultura delle partnership orientate a costruire un futuro di crescita, sostenibilità, inclusione e coesione, sviluppo diffuso per la comunità.

La Fondazione è partner dei principali network internazionali sui progetti di diffusione della sostenibilità, tra cui CSR Europe, il business network leader per la Corporate Social Responsibility ed interlocutore privilegiato della Commissione Europea sulla sostenibilità.

Fondazione Emanuela Zancan

La Fondazione Emanuela Zancan è un centro di studio, ricerca e sperimentazione sulle politiche sociali, sanitarie, educative. Contribuisce alla “ricerca scientifica di rilevante interesse sociale, con particolare riguardo all’area delle politiche sociali, dei servizi alla persona e delle professioni in essa operanti” (art. 2 Statuto). È sorta nel 1964, in ricordo di un’assistente sociale, Emanuela Zancan, e nel 1983 ha ottenuto il riconoscimento giuridico con Decreto del Presidente della Repubblica.
Il suo asse portante è la ricerca scientifica di rilevante interesse sociale che, in modo diretto e indiretto, ha ricadute nei servizi alle persone, nelle soluzioni di welfare, nello sviluppo professionale, nella qualificazione tecnica ed etica del lavoro con le persone, nella umanizzazione dei servizi. Specifica attenzione è destinata alla sostenibilità dei sistemi di welfare, alla valutazione di esito e di impatto, secondo un approccio integrato che considera insieme l’impatto sociale ed economico finanziario. Le linee di ricerca e sperimentazione si concentrano sull’innovazione dei sistemi di welfare (potenziali del welfare generativo) e sulla valutazione di esito e di impatto sociale con il laboratorio multicentrico PersonaLAB per la valutazione di esito. Opera in collaborazione con la International Association on Outcome-based research and evaluation (iaOBERfcs) e l’European Implementation Network per l’implementazione delle pratiche innovative di cui è referente per l’italia.

Fondazione Donor Italia

Fondazione Donor Italia è una delle principali realtà di intermediazione filantropica del Paese. Accompagna grandi donatori privati, aziende ed organizzazioni non profit in Italia e all’estero nell’erogazione e gestione di donazioni in risposta ai più urgenti bisogni sociali. Donare in modo intelligente è un’attività complessa: la mission di Fondazione Donor è quella di semplificare la filantropia, rendendola allo stesso tempo più efficace.

Nello specifico, l’attività della Fondazione si sviluppa su due macro-aree: il Donor-Advised Fund (DAF) e le donazioni internazionali fiscalmente efficienti. Il primo è uno strumento innovativo che permette di realizzare progetti filantropici personalizzati attraverso una specifica strategia di erogazione e di gestione finanziaria del patrimonio. La seconda è resa possibile grazie all’adesione di Fondazione Donor Italia, unico partner per l’Italia, a Transnational Giving Europe, il network europeo costituito da fondazioni filantropiche e organizzazioni non profit che permette di effettuare donazioni internazionali senza rinunciare al beneficio fiscale del Paese di appartenenza.

La filantropia sta assistendo ad una profonda fase di rinnovamento e l’introduzione di strumenti filantropici flessibili come il DAF e di nuove strategie erogative non può prescindere da un’informata e sostenibile gestione finanziaria del patrimonio e dalle esigenze di ESG dei donatori, sia privati ma soprattutto corporate. Fondazione Donor Italia è un progetto di Fondazione Italia Sociale, Fondazione nazionale di partecipazione istituita con la Legge di Riforma del Terzo settore del 2016.

 

Fondazione CON IL SUD

La Fondazione CON Il SUD è un ente non profit privato nato nel 2006 dall’alleanza tra le fondazioni di origine bancaria e il mondo del terzo settore e del volontariato, per promuovere l’infrastrutturazione sociale del Mezzogiorno, cioè percorsi di coesione sociale e buone pratiche di rete per favorire lo sviluppo del Sud.

In particolare, la Fondazione sostiene interventi per l’educazione alla legalità e il contrasto alla dispersione scolastica, lo sviluppo di giovani talenti e per attrarre “cervelli” al Sud, la tutela e valorizzazione dei beni comuni, la qualificazione dei servizi socio-sanitari, l’inclusione degli immigrati, e per favorire il welfare di comunità.

In 11 anni sono state sostenute 1.100 iniziative, tra cui le prime 5 Fondazioni di Comunità del Mezzogiorno, coinvolgendo 6.000 organizzazioni e oltre 320.000 destinatari, erogando complessivamente 191 milioni di euro di risorse private.

 

In tema di finanza sostenibile, la Fondazione CON IL SUD adotta scelte di investimento attente agli impatti sociali, dedicando una quota del proprio patrimonio ad investimenti mission related, nel settore delle energie rinnovabili, nel social housing e in venture capital.

Inoltre, la Fondazione ha promosso la costituzione del Fondo “Sì-Social Impact” lanciato da Sefea Impact SGR, con l’intento di fornire strumenti finanziari adeguati a imprese sociali capaci di offrire risposte adeguate e sostenibili ai bisogni delle persone, della società e dell’ambiente, generando un impatto sociale positivo misurabile.

Fondazione ANT

Fondazione ANT Italia Onlus, nata nel 1978 per iniziativa dell’oncologo Franco Pannuti, è la più ampia realtà non profit in Italia per l’assistenza specialistica gratuita domiciliare ai malati di tumore e i progetti di prevenzione oncologica. La sua missione si ispira all’Eubiosia (dal greco antico “la buona vita”) perché la dignità della vita sia preservata in ogni delicata fase della malattia e sino all’ultimo istante di vita. Dal 1985 Fondazione ANT ha portato gratuitamente nelle case di 113.000 Malati di tumore in 10 regioni italiane (Emilia-Romagna, Lombardia, Veneto, Toscana, Lazio, Marche, Campania, Basilicata, Puglia, Umbria) un’assistenza socio-sanitaria completa, continuativa e integrata. Sono 4.000 ogni giorno i malati assistiti dalle 20 équipes socio-sanitarie ANT che garantiscono a domicilio cure di livello ospedaliero (dati aggiornati al 31 dicembre 2015).
Sono 430 – tra medici, infermieri, psicologi, nutrizionisti, fisioterapisti, farmacisti, assistenti sociali, operatori – i professionisti che lavorano per la Fondazione. La Fondazione conta inoltre sull’operato di oltre 2.000 Volontari, prevalentemente impegnati in attività di raccolta fondi e di logistica nelle 120 Delegazioni ANT presenti in Italia.
ANT porta avanti anche progetti di prevenzione oncologica per la diagnosi precoce del melanoma, delle neoplasie tiroidee, ginecologiche e mammarie. Dall’avvio dei vari progetti sono state visitate gratuitamente più di 138.000 persone in 76 province italiane (dati aggiornati a giugno 2016).
Inoltre l’attività della Fondazione ANT si sviluppa anche in progetti di impegno ecologico, quali Il “Progetto Boschi della Vita”, per l’allargamento di aree verdi in Provincia di Bologna, il parco auto ad alimentazione sostenibile per mobilità dello staff sanitario, e in progetti di servizi sociali, quali il “Progetto Farmaco Amico”, per un controllato recupero di farmaci in Provincia di Bologna e le 5.500 ore di lavoro di pubblica utilità svolte fino ad oggi.

Federcasse

Federcasse (la Federazione Italiana delle Banche di Credito Cooperativo e Casse Rurali) è stata costituita nel 1950 come organismo nazionale di rappresentanza delle banche cooperative mutualistiche (BCC) che ad oggi risultano pari a 246 unità capillarmente diffuse nel nostro Paese con 4.187 sportelli (il 18,6% degli sportelli bancari italiani), attraverso una presenza diretta in 2.592 Comuni (in 687 Comuni rappresentano l’unica realtà bancaria) ed in 102 Province. Oltre 1 milione e 300 mila sono i soci BCC. (Dati a giugno 2021)

La caratteristica principale delle BCC è quella di essere società cooperative per azioni, mutualistiche e locali.  Da oltre 135 anni svolgono il loro ruolo di banche di comunità, assolvendo a una funzione specifica, quella di promuovere sviluppo e di rispondere alle necessità economiche e sociali dei territori, così come espresso nell’art. 2 dello Statuto delle Banche di Credito Cooperativo, Casse Rurali, Casse Raiffeisen.

Questa identità e questi valori trovano collegamento con i 17 Obiettivi dello Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030 e, in particolare, con la promozione dell’inclusione economica, della crescita e del benessere, la diffusione dell’energia pulita e l’adozione di stili di consumo e produzione responsabili. Scopri di più https://www.creditocooperativo.it/app/uploads/2021/01/BDC-2020-completo.pdf

 

Con la legge di riforma del Credito Cooperativo (aprile 2016), che ha istituito la figura dei Gruppi Bancari Cooperativi con funzioni di direzione e coordinamento delle BCC associate, sono state riconfigurate la missione e le funzioni della Federazione Nazionale e, di conseguenza, la struttura organizzativa. In quanto soggetto interlocutore di tutte le componenti del Credito Cooperativo – impegnato a rappresentare in tutte le sedi, nazionali ed Europee, gli interessi comuni caratterizzanti delle banche cooperative a mutualità prevalente italiane e a garantire il rispetto del pluralismo delle modalità di fare banca – il lavoro di Federcasse si è progressivamente concentrato sui seguenti ambiti:

  • tutela, rappresentanza di intessi e sviluppo della cooperazione bancaria;
  • analisi normativa, elaborazione di policy regolamentari, analisi statistico-economica;
  • revisione cooperativa e promozione e diffusione della cultura e della tecnica bancaria mutualistica.

Federcasse è inoltre firmataria del contratto nazionale di lavoro degli oltre 37 mila dipendenti del sistema del Credito Cooperativo.

 

Attraverso Federcasse, il Credito Cooperativo è socio e partner della Scuola dell’Economia Civile (SEC), di NeXt-Nuova Economia per Tutti e di Social Impact Agenda per l’Italia, il network italiano degli investimenti ad impatto sociale.

Il Credito Cooperativo, sempre attraverso Federcasse, collabora inoltre con “Vita” e sostiene le “Giornate di Bertinoro per l’Economia Civile”, il Salone dell’Editoria Sociale e l’agenzia giornalistica Redattore Sociale.

 Questo è index
WP_Query Object ( [query] => Array ( [categoria-socio] => associazioni-fondazioni-non-profit-ong ) [query_vars] => Array ( [categoria-socio] => associazioni-fondazioni-non-profit-ong [error] => [m] => [p] => 0 [post_parent] => [subpost] => [subpost_id] => [attachment] => [attachment_id] => 0 [name] => [pagename] => [page_id] => 0 [second] => [minute] => [hour] => [day] => 0 [monthnum] => 0 [year] => 0 [w] => 0 [category_name] => [tag] => [cat] => [tag_id] => [author] => [author_name] => [feed] => [tb] => [paged] => 0 [meta_key] => [meta_value] => [preview] => [s] => [sentence] => [title] => [fields] => [menu_order] => [embed] => [category__in] => Array ( ) [category__not_in] => Array ( ) [category__and] => Array ( ) [post__in] => Array ( ) [post__not_in] => Array ( ) [post_name__in] => Array ( ) [tag__in] => Array ( ) [tag__not_in] => Array ( ) [tag__and] => Array ( ) [tag_slug__in] => Array ( ) [tag_slug__and] => Array ( ) [post_parent__in] => Array ( ) [post_parent__not_in] => Array ( ) [author__in] => Array ( ) [author__not_in] => Array ( ) [ignore_sticky_posts] => [suppress_filters] => [cache_results] => 1 [update_post_term_cache] => 1 [lazy_load_term_meta] => 1 [update_post_meta_cache] => 1 [post_type] => [posts_per_page] => 10 [nopaging] => [comments_per_page] => 50 [no_found_rows] => [taxonomy] => categoria-socio [term] => associazioni-fondazioni-non-profit-ong [order] => DESC ) [tax_query] => WP_Tax_Query Object ( [queries] => Array ( [0] => Array ( [taxonomy] => categoria-socio [terms] => Array ( [0] => associazioni-fondazioni-non-profit-ong ) [field] => slug [operator] => IN [include_children] => 1 ) ) [relation] => AND [table_aliases:protected] => Array ( [0] => wp_term_relationships ) [queried_terms] => Array ( [categoria-socio] => Array ( [terms] => Array ( [0] => associazioni-fondazioni-non-profit-ong ) [field] => slug ) ) [primary_table] => wp_posts [primary_id_column] => ID ) [meta_query] => WP_Meta_Query Object ( [queries] => Array ( ) [relation] => [meta_table] => [meta_id_column] => [primary_table] => [primary_id_column] => [table_aliases:protected] => Array ( ) [clauses:protected] => Array ( ) [has_or_relation:protected] => ) [date_query] => [queried_object] => WP_Term Object ( [term_id] => 45 [name] => associazioni di consumatori, fondazioni, organizzazioni non profit, ONG [slug] => associazioni-fondazioni-non-profit-ong [term_group] => 0 [term_taxonomy_id] => 45 [taxonomy] => categoria-socio [description] => [parent] => 0 [count] => 19 [filter] => raw ) [queried_object_id] => 45 [request] => SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS wp_posts.ID FROM wp_posts LEFT JOIN wp_term_relationships ON (wp_posts.ID = wp_term_relationships.object_id) WHERE 1=1 AND ( wp_term_relationships.term_taxonomy_id IN (45,541) ) AND ((wp_posts.post_type = 'soci' AND (wp_posts.post_status = 'publish' OR wp_posts.post_status = 'acf-disabled'))) GROUP BY wp_posts.ID ORDER BY wp_posts.menu_order, wp_posts.post_date DESC LIMIT 0, 10 [posts] => Array ( [0] => WP_Post Object ( [ID] => 532 [post_author] => 4 [post_date] => 2016-08-10 23:53:12 [post_date_gmt] => 2016-08-10 21:53:12 [post_content] => Con i suoi 5 milioni di sostenitori, la presenza in 96 Paesi nel mondo e oltre 2.000 progetti attivati, WWF è la più grande organizzazione mondiale per la conservazione della Natura. Fondato in Svizzera nel 1961, il World Wide Fund for Nature nasce con l’obiettivo di tutelare e conservare la natura e i processi ecologici del Pianeta. Il logo del panda, tra i più conosciuti al mondo, rappresenta un simbolo d’impegno, concretezza e positività per la protezione degli ecosistemi. Le attività del network WWF s’ispirano e danno concretezza a una serie di valori fondanti: rigore scientifico e credibilità, integrazione a livello globale e locale, sinergia e partecipazione, indipendenza. Grazie al supporto dei cittadini e al coinvolgimento d’imprese e istituzioni, WWF contribuisce a conservare i sistemi naturali e opera per avviare processi di cambiamento che conducano a un vivere maggiormente sostenibile, utilizzando metodi innovativi e aggregando le migliori risorse culturali, sociali ed economiche.   In tema di finanza sostenibile e responsabilità sociale d'impresa: Per WWF la leva finanziaria è assolutamente strategica per la scelta di progettualità orientate alla sostenibilità: l’obiettivo del WWF è che l’ambiente diventi elemento identitario dei grandi gruppi finanziari e che le banche si impegnino a ridurre le proprie emissioni sia dirette (efficienza energetica nelle sedi, trasporti, utilizzo della carta, ciclo dei rifiuti…), sia soprattutto indirette, ovvero le emissioni “finanziate” attraverso le proprie politiche economiche, attraverso una maggior selezione dei progetti/iniziative da finanziare, innalzando gli standard ambientali nelle valutazioni per la concessione dei crediti, oppure incentivando settori e attività ambientalmente rilevanti (risparmio energetico, energie rinnovabili, tecnologie ad alta efficienza) tramite strumenti finanziari ad hoc. Questo processo passa anche attraverso la codifica di policy riguardanti specifiche istanze sensibili per gli istituti finanziari, per esempio grandi infrastrutture, quali ad esempio le dighe, o grandi opere connesse all’energia come le centrali nucleari. [post_title] => WWF Italia [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => closed [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => wwf-italia-ong-onlus [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2022-07-06 13:35:23 [post_modified_gmt] => 2022-07-06 12:35:23 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://vps601737.ovh.net/wp/?post_type=soci&p=532 [menu_order] => 0 [post_type] => soci [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw ) [1] => WP_Post Object ( [ID] => 3027 [post_author] => 3 [post_date] => 2016-08-07 14:47:56 [post_date_gmt] => 2016-08-07 12:47:56 [post_content] =>

«Non siamo la fonte dei problemi; siamo le risorse necessarie a risolverli. Non siamo spese; siamo investimenti». Children’s Forum, May 2002 UN Special Session

  L’UNICEF è l’agenzia leader a livello internazionale per la tutela e la promozione dei diritti degli under18, la sua presenza capillare e la disponibilità immediata di enormi quantità di materiali di prima emergenza rendono l’organizzazione in grado di rispondere tempestivamente alle situazioni di crisi umanitaria. Due gli obiettivi principali: lo sviluppo a lungo termine dei Paesi emergenti, assicurando che i bambini e i loro diritti rappresentino una priorità e siano parte integrante nelle politiche di sviluppo, e l’intervento nei contesti di emergenza.   INVESTIRE NEI BAMBINI I diritti dei bambini e dei ragazzi possono essere semplicemente definiti come il migliore investimento possibile per il nostro futuro; promuovere e rafforzare questi diritti è indispensabile per creare processi economici stabili e produttivi. Eliminare le barriere che impediscono a tutti gli under18 di accedere ai servizi di base quali l’educazione, l’assistenza sanitaria e l’accesso a fonti di acqua potabile rappresenta uno dei principali obiettivi dell’UNICEF. E’ dimostrato che nei Paesi a reddito medio-basso se tutti i bambini nati oggi potessero essere istruiti a un livello base di lettura, scrittura e calcolo, si assisterebbe, nel corso della loro vita, a un aumento del PIL di 13 volte; inoltre a ogni anno in più di istruzione secondaria il reddito di una ragazza aumenta tra il 15 e il 25% o ancora la malnutrizione infantile può costare tra l’1,9% e il 16,5% del PIL di un Paese.   L’UNICEF e LA FINANZA INNOVATIVA Il tema della finanza responsabile è entrato nell’agenda della comunità internazionale da tempo. Nel 2006 le Nazioni Unite hanno lanciato i sei Principles for Responsible Investment (UNPRI) con l’intento di favorire la diffusione dell’investimento sostenibile e responsabile tra gli investitori. L’UNICEF Italia ritiene che gli investitori, attraverso la promozione di strategie di investimento responsabile, possano promuovere e supportare lo sviluppo di comportamenti virtuosi per le aziende, generando un impatto positivo nella tutela dei diritti dei bambini e degli adolescenti di tutto il mondo. In Italia l’UNICEF vuole promuovere e facilitare, attraverso la definizione di nuovi modelli di finanziamento per lo sviluppo, l’integrazione sistemica dei diritti degli under18 negli investimenti, elemento trasversale ai fattori ESG, come strategia di gestione sostenibile a medio lungo termine. [post_title] => Unicef [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => closed [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => unicef [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2022-07-06 13:36:32 [post_modified_gmt] => 2022-07-06 12:36:32 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://vps601737.ovh.net/?post_type=soci&p=3027 [menu_order] => 0 [post_type] => soci [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw ) [2] => WP_Post Object ( [ID] => 834 [post_author] => 3 [post_date] => 2016-08-04 23:19:41 [post_date_gmt] => 2016-08-04 21:19:41 [post_content] => OPES-LCEF è un veicolo di impact investing che nasce dalla fusione della Fondazione italiana OPES e del trust inglese Low Carbon Enterprise Fund a supporto di imprese “early stage” in paesi in via di sviluppo, aree emergenti e Italia. OPES-LCEF veicola capitali pazienti in imprese che si propongono di ottenere un impatto sociale significativo e durevole attraverso l’adozione di modelli operativi economicamente sostenibili. Oltre al supporto finanziario, Opes-Lcef offre supporto manageriale e assistenza per strategie d’impatto.   In tema di finanza sostenibile e responsabilità sociale d’impresa Opes-Lcef ha 16 investimenti (equity e debito) in imprese sociali e d’impatto che propongono soluzioni a problemi sociali in alcuni settori chiave come: accesso all'acqua, servizi igienico-sanitari, istruzione, energia, salute, basse emissioni di carbonio e conservazione ambientale e in realtà imprenditoriali che si occupano di tutela e empowerment di categorie vulnerabili e svantaggiate come migranti, donne, giovani. [post_title] => OPES-LCEF [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => closed [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => opes-lcef [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2022-07-06 13:41:36 [post_modified_gmt] => 2022-07-06 12:41:36 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://vps601737.ovh.net/wp/?post_type=soci&p=834 [menu_order] => 0 [post_type] => soci [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw ) [3] => WP_Post Object ( [ID] => 43339 [post_author] => 3 [post_date] => 2016-08-01 11:49:02 [post_date_gmt] => 2016-08-01 10:49:02 [post_content] => Legambiente, associazione ambientalista fondata nel 1980, organizza campagne sul territorio atte a fornire sensibilizzare la società civile e le istituzioni sullo stato di salute dell’ambiente. La formazione di giovani cittadine e cittadini è un punto centrale dell'attività di Legambiente, che si articola dentro e fuori le scuole. Legambiente fonda il suo agire su dati, approfondimenti scientifici, scienza partecipata e analisi delle principali emergenze ambientali, della qualità di territori, servizi e infrastrutture. Le attività di informazione e analisi sono finalizzate all’azione: Legambiente propone soluzioni, impugna vertenze e rende partecipi stakeholders e cittadini. Nel mirino delle attività vertenziali e legali di Legambiente sono infatti centrali l’analisi e la denuncia della criminalità ambientale, le ecomafie, il traffico e lo smaltimento illecito di rifiuti, lo sfruttamento degli animali e l'abusivismo edilizio. L'intervento sui temi dello sviluppo sostenibile è possibile anche grazie alla realizzazione di progetti finanziati con fondi europei, nazionali o regionali, ponendo informazione, ricerca scientifica, coinvolgimento di persone, comunità e istituzioni al centro dei progetti. L'ufficio Economia Civile e Finanza Sostenibile di Legambiente in accordo con Transport & Environment si è impegnato nell’ambito del progetto ACE in una alleanza tesa a migliorare l’efficacia della legislazione europea sulla Finanza Sostenibile. Al fine di migliorare l’efficacia della stessa , il progetto ACE prevede l'interazione con soggetti politici e finanziari in ambito nazionale, raccogliendo dati e monitorando le azioni sul tema per elaborare possibili strategie comuni, attente alla sostenibilità. [post_title] => Legambiente [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => closed [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => legambiente [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2022-07-06 13:47:50 [post_modified_gmt] => 2022-07-06 12:47:50 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://finanzasostenibile.it/?post_type=soci&p=43339 [menu_order] => 0 [post_type] => soci [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw ) [4] => WP_Post Object ( [ID] => 524 [post_author] => 4 [post_date] => 2016-07-26 21:00:29 [post_date_gmt] => 2016-07-26 19:00:29 [post_content] => Fondazione Sodalitas nasce nel 1995 su iniziativa di Assolombarda e un gruppo di imprese e manager volontari come la prima organizzazione in Italia a promuovere la Responsabilità Sociale d’Impresa. Oggi rappresenta un network di imprese impegnate nella CSR e sostenibilità. Promuove l’educazione alla generazione di valore sociale condiviso e, in particolare, la cultura delle partnership orientate a costruire un futuro di crescita, sostenibilità, inclusione e coesione, sviluppo diffuso per la comunità. La Fondazione è partner dei principali network internazionali sui progetti di diffusione della sostenibilità, tra cui CSR Europe, il business network leader per la Corporate Social Responsibility ed interlocutore privilegiato della Commissione Europea sulla sostenibilità. [post_title] => Fondazione Sodalitas [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => closed [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => sodalitas [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2022-07-06 13:53:55 [post_modified_gmt] => 2022-07-06 12:53:55 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://vps601737.ovh.net/wp/?post_type=soci&p=524 [menu_order] => 0 [post_type] => soci [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw ) [5] => WP_Post Object ( [ID] => 3239 [post_author] => 3 [post_date] => 2016-07-26 18:00:36 [post_date_gmt] => 2016-07-26 16:00:36 [post_content] => La Fondazione Emanuela Zancan è un centro di studio, ricerca e sperimentazione sulle politiche sociali, sanitarie, educative. Contribuisce alla “ricerca scientifica di rilevante interesse sociale, con particolare riguardo all’area delle politiche sociali, dei servizi alla persona e delle professioni in essa operanti” (art. 2 Statuto). È sorta nel 1964, in ricordo di un’assistente sociale, Emanuela Zancan, e nel 1983 ha ottenuto il riconoscimento giuridico con Decreto del Presidente della Repubblica. Il suo asse portante è la ricerca scientifica di rilevante interesse sociale che, in modo diretto e indiretto, ha ricadute nei servizi alle persone, nelle soluzioni di welfare, nello sviluppo professionale, nella qualificazione tecnica ed etica del lavoro con le persone, nella umanizzazione dei servizi. Specifica attenzione è destinata alla sostenibilità dei sistemi di welfare, alla valutazione di esito e di impatto, secondo un approccio integrato che considera insieme l'impatto sociale ed economico finanziario. Le linee di ricerca e sperimentazione si concentrano sull’innovazione dei sistemi di welfare (potenziali del welfare generativo) e sulla valutazione di esito e di impatto sociale con il laboratorio multicentrico PersonaLAB per la valutazione di esito. Opera in collaborazione con la International Association on Outcome-based research and evaluation (iaOBERfcs) e l’European Implementation Network per l’implementazione delle pratiche innovative di cui è referente per l’italia. [post_title] => Fondazione Emanuela Zancan [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => closed [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => fondazione-emanuela-zancan [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2022-07-06 13:54:00 [post_modified_gmt] => 2022-07-06 12:54:00 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://vps601737.ovh.net/?post_type=soci&p=3239 [menu_order] => 0 [post_type] => soci [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw ) [6] => WP_Post Object ( [ID] => 52748 [post_author] => 220 [post_date] => 2016-07-26 16:00:07 [post_date_gmt] => 2016-07-26 15:00:07 [post_content] => Fondazione Donor Italia è una delle principali realtà di intermediazione filantropica del Paese. Accompagna grandi donatori privati, aziende ed organizzazioni non profit in Italia e all’estero nell’erogazione e gestione di donazioni in risposta ai più urgenti bisogni sociali. Donare in modo intelligente è un’attività complessa: la mission di Fondazione Donor è quella di semplificare la filantropia, rendendola allo stesso tempo più efficace. Nello specifico, l’attività della Fondazione si sviluppa su due macro-aree: il Donor-Advised Fund (DAF) e le donazioni internazionali fiscalmente efficienti. Il primo è uno strumento innovativo che permette di realizzare progetti filantropici personalizzati attraverso una specifica strategia di erogazione e di gestione finanziaria del patrimonio. La seconda è resa possibile grazie all’adesione di Fondazione Donor Italia, unico partner per l’Italia, a Transnational Giving Europe, il network europeo costituito da fondazioni filantropiche e organizzazioni non profit che permette di effettuare donazioni internazionali senza rinunciare al beneficio fiscale del Paese di appartenenza. La filantropia sta assistendo ad una profonda fase di rinnovamento e l’introduzione di strumenti filantropici flessibili come il DAF e di nuove strategie erogative non può prescindere da un’informata e sostenibile gestione finanziaria del patrimonio e dalle esigenze di ESG dei donatori, sia privati ma soprattutto corporate. Fondazione Donor Italia è un progetto di Fondazione Italia Sociale, Fondazione nazionale di partecipazione istituita con la Legge di Riforma del Terzo settore del 2016.   [post_title] => Fondazione Donor Italia [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => closed [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => fondazione-donor-italia [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2022-07-27 17:23:29 [post_modified_gmt] => 2022-07-27 16:23:29 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://finanzasostenibile.it/?post_type=soci&p=52748 [menu_order] => 0 [post_type] => soci [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw ) [7] => WP_Post Object ( [ID] => 4893 [post_author] => 3 [post_date] => 2016-07-26 08:00:37 [post_date_gmt] => 2016-07-26 06:00:37 [post_content] => La Fondazione CON Il SUD è un ente non profit privato nato nel 2006 dall’alleanza tra le fondazioni di origine bancaria e il mondo del terzo settore e del volontariato, per promuovere l’infrastrutturazione sociale del Mezzogiorno, cioè percorsi di coesione sociale e buone pratiche di rete per favorire lo sviluppo del Sud. In particolare, la Fondazione sostiene interventi per l’educazione alla legalità e il contrasto alla dispersione scolastica, lo sviluppo di giovani talenti e per attrarre “cervelli” al Sud, la tutela e valorizzazione dei beni comuni, la qualificazione dei servizi socio-sanitari, l’inclusione degli immigrati, e per favorire il welfare di comunità. In 11 anni sono state sostenute 1.100 iniziative, tra cui le prime 5 Fondazioni di Comunità del Mezzogiorno, coinvolgendo 6.000 organizzazioni e oltre 320.000 destinatari, erogando complessivamente 191 milioni di euro di risorse private.   In tema di finanza sostenibile, la Fondazione CON IL SUD adotta scelte di investimento attente agli impatti sociali, dedicando una quota del proprio patrimonio ad investimenti mission related, nel settore delle energie rinnovabili, nel social housing e in venture capital. Inoltre, la Fondazione ha promosso la costituzione del Fondo “Sì-Social Impact” lanciato da Sefea Impact SGR, con l’intento di fornire strumenti finanziari adeguati a imprese sociali capaci di offrire risposte adeguate e sostenibili ai bisogni delle persone, della società e dell’ambiente, generando un impatto sociale positivo misurabile. [post_title] => Fondazione CON IL SUD [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => closed [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => fondazione-con-il-sud [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2022-07-06 13:56:50 [post_modified_gmt] => 2022-07-06 12:56:50 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://vps601737.ovh.net/?post_type=soci&p=4893 [menu_order] => 0 [post_type] => soci [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw ) [8] => WP_Post Object ( [ID] => 2669 [post_author] => 3 [post_date] => 2016-07-25 08:00:04 [post_date_gmt] => 2016-07-25 06:00:04 [post_content] => Fondazione ANT Italia Onlus, nata nel 1978 per iniziativa dell’oncologo Franco Pannuti, è la più ampia realtà non profit in Italia per l’assistenza specialistica gratuita domiciliare ai malati di tumore e i progetti di prevenzione oncologica. La sua missione si ispira all’Eubiosia (dal greco antico “la buona vita”) perché la dignità della vita sia preservata in ogni delicata fase della malattia e sino all’ultimo istante di vita. Dal 1985 Fondazione ANT ha portato gratuitamente nelle case di 113.000 Malati di tumore in 10 regioni italiane (Emilia-Romagna, Lombardia, Veneto, Toscana, Lazio, Marche, Campania, Basilicata, Puglia, Umbria) un’assistenza socio-sanitaria completa, continuativa e integrata. Sono 4.000 ogni giorno i malati assistiti dalle 20 équipes socio-sanitarie ANT che garantiscono a domicilio cure di livello ospedaliero (dati aggiornati al 31 dicembre 2015). Sono 430 - tra medici, infermieri, psicologi, nutrizionisti, fisioterapisti, farmacisti, assistenti sociali, operatori – i professionisti che lavorano per la Fondazione. La Fondazione conta inoltre sull’operato di oltre 2.000 Volontari, prevalentemente impegnati in attività di raccolta fondi e di logistica nelle 120 Delegazioni ANT presenti in Italia. ANT porta avanti anche progetti di prevenzione oncologica per la diagnosi precoce del melanoma, delle neoplasie tiroidee, ginecologiche e mammarie. Dall’avvio dei vari progetti sono state visitate gratuitamente più di 138.000 persone in 76 province italiane (dati aggiornati a giugno 2016). Inoltre l’attività della Fondazione ANT si sviluppa anche in progetti di impegno ecologico, quali Il “Progetto Boschi della Vita”, per l’allargamento di aree verdi in Provincia di Bologna, il parco auto ad alimentazione sostenibile per mobilità dello staff sanitario, e in progetti di servizi sociali, quali il “Progetto Farmaco Amico”, per un controllato recupero di farmaci in Provincia di Bologna e le 5.500 ore di lavoro di pubblica utilità svolte fino ad oggi. [post_title] => Fondazione ANT [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => closed [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => fondazione-ant [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2022-07-06 13:57:54 [post_modified_gmt] => 2022-07-06 12:57:54 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://vps601737.ovh.net/?post_type=soci&p=2669 [menu_order] => 0 [post_type] => soci [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw ) [9] => WP_Post Object ( [ID] => 440 [post_author] => 4 [post_date] => 2016-07-23 12:11:12 [post_date_gmt] => 2016-07-23 10:11:12 [post_content] => Federcasse (la Federazione Italiana delle Banche di Credito Cooperativo e Casse Rurali) è stata costituita nel 1950 come organismo nazionale di rappresentanza delle banche cooperative mutualistiche (BCC) che ad oggi risultano pari a 246 unità capillarmente diffuse nel nostro Paese con 4.187 sportelli (il 18,6% degli sportelli bancari italiani), attraverso una presenza diretta in 2.592 Comuni (in 687 Comuni rappresentano l’unica realtà bancaria) ed in 102 Province. Oltre 1 milione e 300 mila sono i soci BCC. (Dati a giugno 2021) La caratteristica principale delle BCC è quella di essere società cooperative per azioni, mutualistiche e locali.  Da oltre 135 anni svolgono il loro ruolo di banche di comunità, assolvendo a una funzione specifica, quella di promuovere sviluppo e di rispondere alle necessità economiche e sociali dei territori, così come espresso nell’art. 2 dello Statuto delle Banche di Credito Cooperativo, Casse Rurali, Casse Raiffeisen. Questa identità e questi valori trovano collegamento con i 17 Obiettivi dello Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030 e, in particolare, con la promozione dell’inclusione economica, della crescita e del benessere, la diffusione dell’energia pulita e l’adozione di stili di consumo e produzione responsabili. Scopri di più https://www.creditocooperativo.it/app/uploads/2021/01/BDC-2020-completo.pdf   Con la legge di riforma del Credito Cooperativo (aprile 2016), che ha istituito la figura dei Gruppi Bancari Cooperativi con funzioni di direzione e coordinamento delle BCC associate, sono state riconfigurate la missione e le funzioni della Federazione Nazionale e, di conseguenza, la struttura organizzativa. In quanto soggetto interlocutore di tutte le componenti del Credito Cooperativo – impegnato a rappresentare in tutte le sedi, nazionali ed Europee, gli interessi comuni caratterizzanti delle banche cooperative a mutualità prevalente italiane e a garantire il rispetto del pluralismo delle modalità di fare banca – il lavoro di Federcasse si è progressivamente concentrato sui seguenti ambiti:
  • tutela, rappresentanza di intessi e sviluppo della cooperazione bancaria;
  • analisi normativa, elaborazione di policy regolamentari, analisi statistico-economica;
  • revisione cooperativa e promozione e diffusione della cultura e della tecnica bancaria mutualistica.
Federcasse è inoltre firmataria del contratto nazionale di lavoro degli oltre 37 mila dipendenti del sistema del Credito Cooperativo.   Attraverso Federcasse, il Credito Cooperativo è socio e partner della Scuola dell’Economia Civile (SEC), di NeXt-Nuova Economia per Tutti e di Social Impact Agenda per l’Italia, il network italiano degli investimenti ad impatto sociale. Il Credito Cooperativo, sempre attraverso Federcasse, collabora inoltre con “Vita” e sostiene le “Giornate di Bertinoro per l’Economia Civile”, il Salone dell’Editoria Sociale e l’agenzia giornalistica Redattore Sociale. [post_title] => Federcasse [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => closed [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => federazione-italiana-delle-bcc-cr [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2022-07-06 13:59:25 [post_modified_gmt] => 2022-07-06 12:59:25 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://vps601737.ovh.net/wp/?post_type=soci&p=440 [menu_order] => 0 [post_type] => soci [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw ) ) [post_count] => 10 [current_post] => -1 [in_the_loop] => [post] => WP_Post Object ( [ID] => 532 [post_author] => 4 [post_date] => 2016-08-10 23:53:12 [post_date_gmt] => 2016-08-10 21:53:12 [post_content] => Con i suoi 5 milioni di sostenitori, la presenza in 96 Paesi nel mondo e oltre 2.000 progetti attivati, WWF è la più grande organizzazione mondiale per la conservazione della Natura. Fondato in Svizzera nel 1961, il World Wide Fund for Nature nasce con l’obiettivo di tutelare e conservare la natura e i processi ecologici del Pianeta. Il logo del panda, tra i più conosciuti al mondo, rappresenta un simbolo d’impegno, concretezza e positività per la protezione degli ecosistemi. Le attività del network WWF s’ispirano e danno concretezza a una serie di valori fondanti: rigore scientifico e credibilità, integrazione a livello globale e locale, sinergia e partecipazione, indipendenza. Grazie al supporto dei cittadini e al coinvolgimento d’imprese e istituzioni, WWF contribuisce a conservare i sistemi naturali e opera per avviare processi di cambiamento che conducano a un vivere maggiormente sostenibile, utilizzando metodi innovativi e aggregando le migliori risorse culturali, sociali ed economiche.   In tema di finanza sostenibile e responsabilità sociale d'impresa: Per WWF la leva finanziaria è assolutamente strategica per la scelta di progettualità orientate alla sostenibilità: l’obiettivo del WWF è che l’ambiente diventi elemento identitario dei grandi gruppi finanziari e che le banche si impegnino a ridurre le proprie emissioni sia dirette (efficienza energetica nelle sedi, trasporti, utilizzo della carta, ciclo dei rifiuti…), sia soprattutto indirette, ovvero le emissioni “finanziate” attraverso le proprie politiche economiche, attraverso una maggior selezione dei progetti/iniziative da finanziare, innalzando gli standard ambientali nelle valutazioni per la concessione dei crediti, oppure incentivando settori e attività ambientalmente rilevanti (risparmio energetico, energie rinnovabili, tecnologie ad alta efficienza) tramite strumenti finanziari ad hoc. Questo processo passa anche attraverso la codifica di policy riguardanti specifiche istanze sensibili per gli istituti finanziari, per esempio grandi infrastrutture, quali ad esempio le dighe, o grandi opere connesse all’energia come le centrali nucleari. [post_title] => WWF Italia [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => closed [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => wwf-italia-ong-onlus [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2022-07-06 13:35:23 [post_modified_gmt] => 2022-07-06 12:35:23 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://vps601737.ovh.net/wp/?post_type=soci&p=532 [menu_order] => 0 [post_type] => soci [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw ) [comment_count] => 0 [current_comment] => -1 [found_posts] => 19 [max_num_pages] => 2 [max_num_comment_pages] => 0 [is_single] => [is_preview] => [is_page] => [is_archive] => 1 [is_date] => [is_year] => [is_month] => [is_day] => [is_time] => [is_author] => [is_category] => [is_tag] => [is_tax] => 1 [is_search] => [is_feed] => [is_comment_feed] => [is_trackback] => [is_home] => [is_privacy_policy] => [is_404] => [is_embed] => [is_paged] => [is_admin] => [is_attachment] => [is_singular] => [is_robots] => [is_favicon] => [is_posts_page] => [is_post_type_archive] => [query_vars_hash:WP_Query:private] => 5c5b2ea1557375469fc34bd9f2d6a748 [query_vars_changed:WP_Query:private] => [thumbnails_cached] => [stopwords:WP_Query:private] => [compat_fields:WP_Query:private] => Array ( [0] => query_vars_hash [1] => query_vars_changed ) [compat_methods:WP_Query:private] => Array ( [0] => init_query_flags [1] => parse_tax_query ) )